Durante una collaborazione con il sito cercalavoro.it ho condotto delle ricerche riguardo l’antica disciplina cinese del Feng-Shui.

Questa dottrina è diventata per me in poco tempo una sorta di finestra che affaccia su un lato del mondo molto più interessante di quello che siamo abituati a guardare tutti i giorni.

Una finestra che mi permette di guardare l’ambiente che mi circonda da un altra prospettiva e sfruttare le sue energie secondo le mie necessità di tutti i giorni.

In questo articolo voglio parlare in maniera pratica di come ricevere, secondo il Feng-Shui, dei vantaggi tangibili adeguando il proprio spazio domestico alle proprie esigenze personali e professionali.

    Le origini e i benefici del Feng-shui

Il Feng-shui (letteralmente vento e acqua) è un’antica disciplina cinese che studia le capacità terapeutiche delle energie ambientali e le mette in relazione con gli esseri viventi.

Secondo il Feng-Shui tutto ciò che esiste nel mondo possiede un’energia propria grazie alla quale gli esseri umani e la natura si influenzano reciprocamente giorno dopo giorno.

L’arte del Feng-shui, se utilizzata correttamente, permette di ristabilire l’armonia e il corretto flusso energetico nell’ambiente in cui viviamo, stimola la creatività personale e agevola il benessere fisico.

Si tratta di considerare i segnali naturali dell’ambiente ed utilizzarli a nostro vantaggio tenendo conto delle energie negative e di quelle positive.

L’idea di utilizzare il Feng-shui per ritrovare il proprio equilibrio personale è quella di eliminare gli oggetti inutili dalla propria vita per sentirsi meglio esattamente come il proprio corpo elimina le varie tossine.

                                   Feng-shui: consigli pratici

Feng shui

La disciplina del Feng-Shui in occidente è più conosciuta come “Filosofia dell’arredamento”.

Non è corretta come definizione, ma neanche fuori luogo in quanto secondo il Feng-Shui, per ritrovare il proprio equilibrio energetico, bisogna partire con l’ordine e la disciplina nell’arredamento della propria casa.

Di seguito riporto alcuni accorgimenti pratici da poter applicare immediatamente nelle zone della casa: ingresso, cucina, soggiorno, camera da letto e bagno.

Ingresso

L’ingresso è il punto dal quale entrano i flussi energetici: la porta non deve avere difficoltà nell’aprirsi e non devono esserci oggetti che ingombrino il passaggio.

Evitare quindi scarpiere, appendiabiti o mobili poggia oggetti che finiscono spesso per essere disordinati ed ostruire il passaggio delle persone e delle energie.

Se le pareti della casa sono bianche, dovreste contrapporre oggetti dai colori scuri.

Cucina

La cucina è uno spazio molto importante per il Feng-shui perché è il luogo dove prepariamo i nostri pasti.

Nel lavandino non devono esserci continuamente piatti sporchi da lavare, ed il frigorifero non deve contenere alimenti inutilizzati o scaduti. Gli sprechi non sono contemplati in questa dottrina.

La cucina deve essere molto ordinata come il resto della casa: una cucina troppo piena è segno di gonfiore nella parte centrale del corpo e quindi di un impossibilità di ricevere le energie positive; d’altro canto, una cucina troppo vuota richiama la difficoltà nel godere il bello della vita.

Soggiorno

Il soggiorno rappresenta il centro vitale della casa: la zona in cui ci rilassiamo e accogliamo calorosamente gli ospiti.

Deve risultare libero e leggero.

È bene scegliere un unico pezzo di arredo importante, per poi abbinare il resto dei mobili intorno allo stesso.

Cercare con piccoli accorgimenti di evitare la monotonia.

Il soggiorno rappresenta per il Feng-shui le relazioni sociali. Un miglior flusso di energie in questa zona della casa vuol dire un miglioramento delle proprie relazioni con gli altri.

Favorire degli elementi naturali come piante, pietre, sassi e pezzi di legno.

Camera da letto

Ogni persona passa all’incirca un terzo della propria vita nella sua camera da letto.

Eliminare dalla camera tutti gli oggetti che non sono relazionati con il sonno ed il riposo per garantire al meglio il relax del ristoro.

Si, anche i computer ed i cellulari.

È importante cambiare l’aria con una certa frequenza e favorire dei colori neutri per l’arredamento: i colori troppo sgargianti non favoriscono il sonno, mentre quelli troppo scuri incupirebbero la stanza.

Far prevalere le luci naturali su quelle artificiali. Preferire inoltre lampade al sale rosa dell’Himalaya e candele profumate a base di cera d’api.

La testiera del letto deve essere rivolta dalla parte opposta della porta, e se quello che si cerca è un sonno calmo e tranquillo, il letto deve essere posizionato al nord della stanza da letto.

Bagno

Il bagno è la zona più intima della casa, dedicata alla cura del proprio corpo e all’eliminazione delle impurità.

L’elemento predominante nel bagno è l’acqua: controllare periodicamente che i sanitari funzionino alla perfezione per evitare il blocco dei flussi energetici.

Preferire le differenti tonalità di blu nelle mattonelle e negli oggetti.

Gli specchi sono necessari e molto importanti, ma attenzione a fare in modo che non si trovino uno di fronte all’altro perché farebbero rimbalzare le energie positive senza poterne fruire.

 Feng shui: Funziona se vuoi che funzioni

È molto importante non banalizzare questa disciplina riducendola ad una tecnica di arredamento per la casa, l’ufficio o qualsiasi luogo in cui passiate il vostro tempo.

Occorre un pensiero di vedute più larghe che si riallaccia agli insegnamenti Zen per lasciare che l’energia fluisca liberamente nell’ambiente in cui viviamo.

Inoltre, come ogni cosa, anche la forza del pensiero gode di un energia propria. È fondamentale quindi aggiungere l’intenzione in qualsiasi cambiamento decidiamo di apportare nella nostra casa, come nella nostra vita.

Perché l’ambiente, e le altre persone e che ci circondano, sono in grado di influenzarci solamente nella maniera in cui noi stessi lo permettiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *